autore: Renzo Piccoli

Qual perfetto appiglio

 Il verso, impreziosito dalla forma classica del sonetto, disegna una scrittura ellittica imprevedibile e fantasmagorica, composta e sfaccettata, che si inoltra su itinerari sconosciuti, quasi a esorcizzare la futilità del reale, paradigmi musicali che si incorrono su immagini e abbandoni, a volte suadenti, con larvata ironia e umana indulgenza "in questa landa di vento scoscesa".
Qual perfetto appiglio come invito ad una riflessione sull'ambiguità della parola, anche.
La canzone finale, invece, sfidando i limiti e particolarismi, è un inno alla fratellanza e alla comprensione.

Se hai scritto qualcosa scrivilo anche a noi   info@soveraedizioni.it

Condividi:

  1. Myspace