autore: Renzo Piccoli

Magnitudine apparente

Novantatrè composizioni poetiche che prendono nome dalle Costellazioni (le prime ottantotto) dalle stelle blu e bianche (le ultime cinque). Partendo da un codice astronomico - magnitudine apparente è la grandezza che misura la luminosità di un corpo celeste - si vuole affrontare la condizione dell'"umano" in cui prevale la sensibilità, lo stupore, il mistero.

Se hai scritto qualcosa scrivilo anche a noi   info@soveraedizioni.it

Condividi:

  1. Myspace